Una Guida chiara e dettagliata per scegliere Impianti Rinnovabili

La Guida per scegliere fra gli Impianti di fonti Rinnovabili

Il petrolio e le altre fonti energetiche non rinnovabili sono destinati ad esaurirsi, è d’obbligo di conseguenza per l’umanità realizzare e migliorare sempre più impianti che sfruttano le fonti rinnovabili. Il primo e più importante vantaggio delle energie rinnovabili è proprio questo, la quasi perenne disponibilità, (quasi perché fra 5 miliardi di anni la Terra sarà inghiottita dal Sole) poi il fatto che sono pulite e riciclabili.

Guida alla scelta degli impianti da fonti rinnovabili

Ecco, nel dettaglio, i vantaggi e una guida agli impianti derivanti da fonti rinnovabili:

Energia solare, sia fotovoltaico che termico.

Questa è la più importante da un punto di vista strategico, poiché mentre le altre fonti richiedono spazi enormi e ingenti stanziamenti di denaro, manodopera, mantenimento nel tempo, quindi un intervento dello stato o di grandi gruppi privati, quella solare può essere sfruttata nelle case delle singole abitazioni, rendendole autonome con le progressive migliorie. Vediamo insieme la Guida agli Impianti Rinnovabili che ci spiega ed illustra perché sceglierli:

  • Unica fonte adoperabile dal cittadino medio
  • Manutenzione minima data dall’assenza di parti in movimento
  • Possibilità di ampliamenti o modifiche in futuro relativamente semplici, si traduce in impianti più sfruttabili nel tempo, caratteristica questa in controtendenza al consumismo odierno
  • Autonomia completa per la casa da un punto di vista elettrico, quanto meno alle basse e medie latitudini
  • Bassissimo impatto ambientale

Energia eolica

  • Disponibilità del vento anche la notte
  • Totale automazione, quasi non necessario il controllo dell’impianto
  • Potenziale lunga durata delle installazioni
  • Basso impatto ambientale

Energia idroelettrica

  • Funzionamento potenzialmente continuo: i macchinari non hanno bisogno di batterie d’accumulo, al contrario degli impianti fotovoltaici ed eolici, se non vi è forte differenza di precipitazioni tra inverno e ed estate, in quanto il corso d’acqua non risente di periodi di secca, o il bacino idrico non è affetto da un ampio divario tra il livello minimo e massimo
  • Impatto ambientale praticamente nullo, nessuna emissione di CO2
  • Sensibile creazione di posti di lavoro per la supervisione delle strutture

Energia geotermica

  • Alta sicurezza delle apparecchiature
  • Riscaldamento dell’acqua calda sanitaria e degli edifici
  • Basso impatto ambientale

Energia da biomasse

  • Pulizia di boschi e terreni, dato che si utilizzano residui forestali, agricoli e di lavorazione del legno
  • Creazione di occupazione e, soprattutto in aree rurali, minor dipendenza energetica da fonti rinnovabili
  • Abbondanza e facilità d’estrazione

Energia marina (da correnti marine, osmotica, dalle maree, dal moto ondoso e dal calore specifico del mare)

  • Dati per la progettazione simili alle centrali idroelettriche, quindi già collaudati e sicuri
  • Sterminata disponibilità d’energia: l’UK Marine Foresight Panel, un programma governativo britannico, nel 2000 ha stimato che si sfruttasse solamente lo 0,1% dell’energia oceanica si giungerebbe a 5 volte la domanda attuale di elettricità
  • Sensibile aumento di posti di lavoro

Ogni tipo di energia da Impianti e Fonti Rinnovabili apporta dei vantaggi all’ambiente notevoli che non vanno di certo dimenticati o denigrati