Lo spread nel forex e come quantificare i profitti

Lo spread nel forex.

Lo spread (letteralmente, differenza) è un valore, che, in economia, può avere diversi significati; nel forex, rappresenta la differenza tra il prezzo, riferito ad una coppia di valute, di vendita della valuta base, e quello di acquisto della valuta secondaria.

Lo spread. Considerazioni per la comprensione.

Valuta base e valuta secondaria. Prezzo bid e prezzo ask.

Per una migliore comprensione, va ricordato che, nel forex, una valuta può essere negoziata solo, ed esclusivamente, nei confronti di un’altra, cioè le valute vengono prese in considerazione a coppia.
In questa coppia, una delle 2 valute sarà quella base (nelle tabelle si trova sempre riportata a sinistra), l’altra sarà quella quotata, o secondaria (nelle tabelle sarà sempre riportata a destra).
Il prezzo di vendita della valuta base (e, conseguentemente, di acquisto della valuta quotata, o secondaria) è chiamato bid; invece, il prezzo di acquisto della valuta base (e, quindi, di vendita della valuta secondaria) è chiamato ask.
In qualsiasi tabella, è semplice individuare quale sia il prezzo ask ed il prezzo bid, sia, come già detto, per la posizione, sia perché fra i 2 prezzi, il prezzo ask è sempre quello più alto.

guida-forex-fxgm
Lo spread: esempi pratici.

Detto ciò, lo spred è, appunto, la differenza fra il prezzo bid ed il prezzo ask, che viene espresso in pip (che significa percentage in point).
Ecco, di seguito, un esempio pratico:
nella coppia di valute Euro/Dollaro (che troveremo sempre espressa nel seguente modo: EUR/USD), dove l’Euro rappresentata la valuta base, mentre il Dollaro rappresenta quella secondaria, possiamo avere questa situazione:

Prezzo Bid 1,5922
Prezzo Ask 1,5925

In questo caso, quindi, lo spread è di 3 pips.

Una indicazione di questo tipo, si faccia attenzione, indica, in pips, la variazione di prezzo più piccola riferita ad un dato momento. Per avere un quadro più preciso dell’andamento della coppia di valute, solitamente, si hanno a disposizione, nelle tabelle, altri dati che, comunque si basano anch’essi sullo spread.

Altri dati importanti per l’andamento della coppia di valute.

Questi dati sono indicati, appunto, nelle tabelle, di fianco ai dati bid ed ask, con questa terminologia:

  • high, con il quale si indica il prezzo bid più alto registrato durante la giornata;
  • low, con il quale si indica, invece, il prezzo ask più basso registrato durante la stessa giornata;
  • change, con il quale si indica la variazione (espressa in percentuale) fra il primo prezzo della giornata (dalla mezzanotte) e il prezzo attuale;
  • range, con il quale si indica, in percentuale, la variazione fra il prezzo bid di apertura giornata e quello attuale.

Valori dello spread e dei pips.

Ma come si interpreta il valore dello spread e a cosa serve?

Questa analisi non è fine a sé stessa: lo spread è un valore che ha una corrispondenza, nella realtà, in termini di flusso monetario.
Ugualmente, i pips (con i quali si misura lo spread) sono le piccole variazioni fra la domanda e l’offerta di una coppia di valute. Ma sono anche la base per quantificare, in termini monetari, il guadagno (o la perdita) della transazione forex.

Ma quante vale un pip?

La domanda vera, quindi, é: quanto vale un pip?
Per poter calcolare il ritorno di un investimento, dobbiamo verificare le variazioni di pips, in momenti diversi; ma, prima ancora, dobbiamo “realizzare” (nel senso di rendere “reale”, quindi monetario) il valore di un singolo pip all’interno della transazione.

E’ bene tenere presente che il valore di un pip non è sempre uguale, ma cambia a seconda delle diverse coppie di valute, del valore dell’investimento (determinato in numero di contratti, o lotti) ed anche di altri fattori, essendo, ad esempio, il tasso di cambio delle 2 valute non fisso.

Una precisazione: sono facilmente reperibili on line (e sono anche forniti anche dalle piattaforme forex usate dagli investitori) opportuni calcolatori (oppure tabelle) per la determinazione del valore di un pip.

Formule ed esempi del valore di un pip.

Al di la di ciò, si può dire che la formula più comune, per determinare il valore di un bip, è quella che mette in gioco 3 elementi:

  1. il valore (decimale) del pip espresso nel seguente modo:
    0,0001 (difatti il pip si conteggia, per la maggior parte di coppie di valute, dalla quarta cifra decimale).
    Questo valore va bene per quasi tutte le coppie di valute, tranne quelle che riguardano, ad esempio, lo yen, dove il valore va espresso nel seguente modo: 0,01.
  2. il valore dell’investimento; nell’esempio che seguirà ipotizziamo che esso sia 100.000 dollari.
  3. Prezzo di cambio corrente della coppia di valute; nello stesso esempio che seguirà ipotizziamo che (trattandosi della coppia Euro/Dollaro) esso sia 1,5015.

Basta, a questo punto, fare una moltiplicazione fra il valore decimale del pip ed il valore dell’investimento, per poi dividere per il prezzo di cambio, secondo questa formula:

(Valore decimale Pip X Investimento) : Prezzo di cambio

Per cui (0,0001 X 100.000):1,5015=6,66
cioè, ogni pip, in questo caso, vale 6,66 dollari.

Le variazioni dei pips.

Naturalmente, né lo spread, né il valore del pip, in sé, quantificano il guadagno (o la perdita) realizzata. Importante è la determinazione della variazione di pips fra 2 momenti successivi.

Esempi di variazioni dei pips e quantificazione del profitto (o della perdita).

Proseguendo l’esempio sopra riportato, se in un secondo momento il nuovo prezzo ask fosse 1,5928 invece che il precedente 1,5927 si avrebbe la variazione di un pip: di conseguenza, viene, in tal modo, realizzato un guadagno di 6,66 dollari.
Se il prezzo ask, invece ( sempre secondo l’esempio suddetto), anziché 1,5928 fosse 1,5930 (fermo restando il prezzo bid 1,5927), si avrebbe la variazione di 3 pips, con un profitto realizzato di di 19,98 dollari.
Quindi i concetti di spread e pip sono strettamente collegati e funzionali al fine di rendere intellegibile l’investimento forex, il cui scopo è, infine, di ottenere un profitto e, naturalmente, quantificare quest’ultimo.

Raccomandiamo anche la lettura del nostro articolo dedicato sempre al mondo del trading ed in particolare di FXGM.

admin