Glaucoma occhio – glaucoma occhio sintomi

Cos’è il glaucoma all’occhio

Il termine glaucoma raggruppa un insieme di malattie dell’occhio molto diverse tra di loro, ma con in comune un silenzioso, progressivo e irreversibile danno cronico al nervo ottico, le cui componenti (testa e fibre nervose) subiscono un deterioramento.

Le lesioni alle fibre nervose del nervo ottico sono irreversibili: nei soggetti colpiti la vista diminuisce fino ad arrivare all’ipovisione (visione tubulare per perdita della componente periferica) e alla cecità. Non si conoscono le cause di insorgenza del glaucoma, ma sono noti i fattori di rischio, ovvero pressione oculare superiore a 21 mmHg, età superiore ai 40 anni, miopia, familiarità per la malattia, diabete, ipertensione arteriosa e problemi cardiovascolari.

La forma più comune di glaucoma è il glaucoma primario ad angolo aperto: asintomatico, a lenta progressione, spesso è diagnosticato casualmente durante un normale controllo oculistico. Altri tipi di glaucoma sono il glaucoma ad angolo chiuso, glaucoma congenito e glaucoma pigmentato.

glaucoma come si crea

Sintomi del glaucoma

La gravità della malattia dipende soprattutto dall’assenza di sintomatologia. Solo quando il danno è già grave si manifestano i cosiddetti scotomi, ovvero aree in cui la visione è impedita da macchie scure. I sintomi premonitori precoci sono piuttosto vaghi e comprendono aloni intorno alla luce, anisocoria, cecità notturna, esoftalmo, midriasi, cefalea, occhi arrossati, pressione oculare elevata, riduzione/restringimento del campo visivo e della vista, scotomi. Queste ultime manifestazioni segnalano un danno importante al nervo ottico e richiedono un approfondimento diagnostico.

Diagnosi di glaucoma

Presso i centri IGOR Point è possibile eseguire ogni tipo di esame oculistico tecnologicamente avanzato, in totale sicurezza e serenità. Nel caso di una patologia progressiva e silente come il glaucoma, la diagnosi corretta e precoce assume particolare importanza: non è sufficiente misurare la pressione oculare (in non tutti i soggetti con il glaucoma è elevata) ma servono esami molto specifici e sensibili che permettono di studiare approfonditamente il nervo ottico.

Esistono alcuni esami anatomici computerizzati, come la tomografia ottica a luce coerente (OCT), l’Heiderberg Retinal Tomograph (HRT) e tecniche di imaging (GDx) che valutano l’aspetto, la funzionalità e l’integrità delle fibre nervose.

Viene poi esaminato il campo visivo, con un semplice test della vista, e tramite la gonioscopia viene osservata l’anatomia dell’angolo irido-corneale attraverso il quale vengono deflessi gli umori oculari.

Esistono poi test elettro-funzionali (potenziali evocati visivi e elettroretinogramma) che misurano la capacità del nervo ottico di rispondere a uno stimolo. I centri IGOR Point refertano esami specialistici in meno di 72 ore e si avvalgono della refertazione di esperti consulenti oftalmologi.