Scopriamo insieme i costi delle faccette dentali

Le faccette dentali

L’estetica del sorriso è un aspetto fondamentale nella vita di tutti i giorni. Per migliorare questo importante aspetto nel caso di denti rovinati, la medicina odontoiatrica ricorre all’applicazione di particolari tipologie di prodotti, ovvero le cosiddette faccette dentali. Trattasi di particolari lamine, caratterizzate da uno spessore molto sottile, che vengono letteralmente incollate sulla superficie dei denti naturali per migliorarne l’aspetto generale. Si chiamano, infatti, anche faccette estetiche (o veneers). Sono costruite generalmente in porcellana ed in ceramica ed hanno un comportamento paragonabile a quello delle unghie finte.
Le faccette dentali vengono utilizzate anche per la correzione di svariate funzioni ormai compromesse, come ad esempio la malocclusione dentale.

faccette_estetiche

Materiali delle faccette dentali

Non tutte le faccette dentali sono tra loro uguali. Cambiano, infatti, due aspetti fondamentali, ovvero lo spessore ed i materiali utilizzati. Gli spessori sono generalmente compresi tra un minimo di 0,3 ed un massimo di 0,7 millimetri (a seconda dei singoli casi) e le dimensioni sono uguali a quelle del dente che le faccette stesse andranno a ricoprire. Importante aggiungere che prima dell’applicazione, per ottenere risultati perfetti, fino al 30% della superficie del dente originale viene limata.
Per quanto riguarda i materiali, la scelta degli stessi dipende essenzialmente da due fattori: la volontà del paziente ed il risultato che si intende raggiungere. Le faccette di cui, ad oggi, si apprezza maggiormente la qualità sono realizzate in porcellana o in ceramica. Queste garantiscono, senza alcuna ombra di dubbio, maggiore resistenza e lucentezza. Esistono, poi, anche le faccette realizzate in composito (ovvero lo stesso materiale con cui si effettuano le otturazioni in caso di denti cariati), anche se il maggior difetto di questa tipologia di faccetta risiede nella loro tendenza a macchiarsi e a scheggiarsi molto più facilmente. Hanno, quindi, una durata minore rispetto a quelle costruite in porcellana o ceramica. Il vantaggio, invece, delle faccette in composito è che si applicano in una sola seduta e hanno un prezzo più contenuto (sono, quindi, più accessibili a tutti).

Il prezzo, vantaggi e svantaggi

costi delle faccette dentali ed il prezzo per un trattamento di questo tipo è abbastanza elevato, se si pensa che il dentista chiede mediamente tra i 500 e i 1000 euro per l’applicazione di ogni singola faccetta. Tale costo dipende, ovviamente, dal materiale utilizzato. Per quanto detto, i prezzi minori si riferiscono alle faccette in composito. Tale tariffario è stabilito in maniera univoca direttamente dall’ANDI. Statisticamente sembra che il prezzo si mantenga leggermente più basso al sud, mentre sia un po’ più alto al nord.
Le faccette dentali apportano a chi decide di usufruirne degli ottimi vantaggi. Innanzitutto, il miglioramento del sorriso sotto il profilo estetico è immediato. La semplicità dell’intervento, inoltre, può invogliare anche coloro che hanno paura di recarsi dal dentista, soprattutto perché il tutto è completamente indolore. Nel caso delle faccette realizzate in materiale composito, inoltre, l’applicazione avviene in una sola seduta.
Unico svantaggio viene riscontrato nel prezzo assai elevato, specialmente degli elementi realizzati in ceramica ed in porcellana. Dopo una decina di anni, inoltre, le faccette più scarse (quelle in composito) richiedono spesso di essere sostituite. Sarà, quindi, necessario sottoporsi nuovamente al medesimo trattamento.

faccette