L’attività politica e sociale di Mauro Laus

L’impegno politico e sociale del presidente del Consiglio della Regione Piemonte continua a interessare vari ambiti, dove sono protagonisti gli studenti, i detenuti e gli stessi rapporti dell’emiciclo piemontese con i cittadini.
Si tratta di alcune importanti iniziative contro il bullismo e l’istituzione di una giornata di prevenzione, con informazioni su questo fenomeno che tenga viva l’attenzione comunitaria.
Per quanto riguarda le carceri piemontesi, Mauro Laus ha pensato di pubblicare un vademecum, che indichi ai detenuti percorsi alternativi per impiegare il tempo della detenzione in modo più proficuo.
Infine, ma non meno importante, è stata l’iniziativa di trasmettere in diretta le sedute del consiglio regionale piemontese sui social e di incaricare gli studenti quali ambasciatori dell’ente locale.

Campagna per prevenire e affrontare il bullismo e il cyber bullismo

Consiglio regionale del piemonteMauro Laus ha avviato una discussione in vista dell’emanazione di una legge utile alla prevenzione e allo studio dei fenomeni di bullismo e cyber bullismo in Piemonte.
Alla legge sarà affiancata la proclamazione di una giornata di sensibilizzazione dedicata a questi temi di scottante attualità, che interessino gli atti di prevaricazione sia sui social che nei vari ambiti scolastici e della comunità.
Una delle proposte di legge è stata firmata dallo stesso Laus per consentire di istituire un Osservatorio permanente, attraverso il quale informarsi e consultarsi su questo fenomeno.

Impegno per far valere i diritti dei detenuti

In Piemonte ci sono circa 4 mila detenuti che nel progetto di Mauro Laus devono essere spinti a conoscere i loro diritti e a come sfruttare il periodo della detenzione.
Il Vademecum da lui ideato è un libretto utile per indirizzare queste persone verso occasioni di studio, di formazione e di lavoro, che potranno essere fondamentali per il reinserimento sociale, una volta scontata la pena.
Un plauso è stato dato a Laus dallo stesso Bruno Mellano, garante per i diritti dei detenuti, che ha visto in questa iniziativa una spinta verso l’effettiva rieducazione sociale, che è il compito primario della detenzione. L’obiettivo è quello di andare oltre il senso “punitivo” delle carceri, che secondo Laus devono offrire una seconda opportunità, da costruire con il tempo sfruttato al meglio delle possibilità.

Sedute del Consiglio regionale del Piemonte in diretta

I valori su cui si basa da sempre l’opera del Presidente del Consiglio del Piemonte, Mauro Laus, sono quelli di lealtà e partecipazione dei cittadini alla cosa pubblica.
L’obiettivo è stato finalmente raggiunto il 19 settembre scorso, data che ha segnato la prima trasmissione in diretta dei social di una seduta.
L’intento è quello della trasparenza e della voglia di rendere partecipi i cittadini della vita istituzionale regionale.
In questo quadro si colloca anche l’idea di Mauro Laus di nominare gli studenti “ambasciatori” della stessa istituzione, per avviare “un’educazione condivisa”. L’intento è quello di diffondere e far conoscere ai compagni e agli amici i temi che vengono discussi nei vari organi regionali, dal Consiglio agli Osservatori.